Torna alla Home Page
  • Non siamo forse veri e propri analfabeti nella lingua e nell'arte necessarie per creare, tessere e conservare liberamente connessioni e legami?

    Ulrich Beck

  • Ogni libro e' un giardino. Beato colui che lo sa piantare e fortunato colui che taglia le sue rose per darle in pasto alla sua anima!...

    Federico Garcia Lorca

  • Non è rinchiudendo il vicino che ci si convince del proprio buonsenso

    F.M. Dostoevskij

  • Siate il cambiamento che vorreste vedere nel mondo

    Gandhi

  • Il nostro sconforto di fronte alla bellezza è senza dubbio radicato nel modo in cui abbiamo danneggiato il paesaggio, in quel che si rappresenta, come la nostra incapacità di rimediare ai danni e nell'evidenza che pochi di noi possono ancora sperare di possedere un lembo di terra intatto

    Robert Adam (davanti al degrado del paesaggio americano)

  • L'antica distinzione tra uomo e natura, tra abitante di città e abitante di campagna, tra greco e barbaro, tra cittadino e forestiero, non vale più: l'intero pianeta e' ormai diventato un villaggio, e di conseguenza il piu' piccolo dei rioni deve essere progettato come un modello funzionale del mondo intero

    Lewis Mumford, La citta' nella storia (1961)

  • fallire di nuovo, fallire meglio

    Samuel Beckett

  • Se io fossi il vento, non soffierei più su un mondo tanto malvagio e miserabile. ............. Eppure, lo ripeto e lo giuro, c'è qualcosa di glorioso e di benigno nel vento

    Herman Melville, Moby Dick o la balena (1851)

  • Una grandissima parte di quello che noi chiamiamo naturale, non è; anzi è piuttosto artificiale: come a dire, i campi lavorati, gli alberi e le altre piante educate e disposte in ordine, i fiumi stretti infra certi termini e indirizzati a certo corso, e cose simili, non hanno quello stato né quella sembianza che avrebbero naturalmente. In modo che la vista di ogni paese abitato da qualunque generazione di uomini civili, eziandio non considerando le città, e gli altri luoghi dove gli uomini si riducono a stare insieme; è cosa artificiata, e diversa molto da quella che sarebbe in natura

    Giacomo Leopardi (1798- 1837), poeta, scrittore e filosofo italiano. Operette morali, Elogio degli uccelli

  • You don't need a weatherman to know which way the wind blows
    [Non hai bisogno di un meteorologo per sapere da che parte tira il vento]

    Bob Dylan, da Subterranean Homesick Blues nell'album Bringing it all back Home 1965

PERCORSI DI PROGETTAZIONE PARTECIPATA

AREA:  Supporti gestionali e organizzativi


La presentazione pubblica di un progetto
La presentazione pubblica di un progetto

Un momento dell'elaborazione grafica
Un momento dell'elaborazione grafica

Una lavagna a fogli raccoglie le idee dei partecipanti
Una lavagna a fogli raccoglie le idee dei partecipanti

 

Cosa intendiamo per partecipazione
Il processo che permette ai cittadini di poter influenzare le decisioni riguardanti le loro condizioni di vita è un buon modo di intendere la partecipazione. Essa può manifestarsi a diversi livelli, ognuno dei quali può adattarsi a contesti, decisioni, attori locali, esperienze e percorsi originali e diversificati. Ciò può realizzarsi a livello di informazione, o di consultazione, o ancora di decisione assunta collettivamente. L'importante, è decidere con precisione il livello cui riferirsi e non cambiare le regole del gioco durante lo svolgimento del processo.

Dove si può applicare
In tutti i casi in cui un'autorità di governo del territorio sceglie di coinvolgere o consultare gli attori locali o i beneficiari di una data iniziativa, o più in generale i cittadini che verranno influenzati da una specifica decisione. Le tecniche di partecipazione o di democrazia deliberativa dimostrano che è sempre preferibile affrontare i possibili conflitti "prima" e non "dopo" avere preso la decisione. Esempi tipici di conflitto che può essere gestito con successo attraverso progettazione partecipata, possono essere: i piani del traffico e l'introduzione di zone a traffico limitato, la costruzione di infrastrutture, la localizzazione di impianti speciali (industrie, inceneritori), ecc.

I benefici della partecipazione
La partecipazione ha dei benefici per gli individui che compongono la comunità locale. La dimensione locale, quella della comunità in cui si vive, si pone come dimensione privilegiata affinchè i cittadini possano ritrovare la percezione, individuale e collettiva, per esercitare qualche forma di influenza sulle proprie condizioni di vita o di lavoro.

Gli strumenti
La strumentazione operativa della progettazione partecipata può essere molto articolata e può utilizzare numerose metodologie. Sul piano interattivo, che è quello che permette i migliori risultati, possiamo segnalare i seguenti strumenti di partecipazione:

  • focus group tematici;
  • open space technology;
  • planning for real;
  • elaborazione condivisa di quadro logico.



iperPIANO - Ecosistema di soluzioni e innovazioni per il governo del territorio e della città
© iperPIANO - Tutti i diritti riservati - Vietata la copia parziale o totale dei contenuti (testi,immagini,video) - credits