Torna alla Home Page
  • Obbedire a natura in tutto è il meglio

    Francesco Petrarca

  • Nessuno effetto è in natura sanza ragione; intendi la ragione e non ti bisogna sperienzia

    Leonardi da Vinci, Codice Atlantico 147 v.a.

  • Costruire, significa collaborare con la terra, imprimere il segno dell'uomo su un paesaggio che ne resterà modificato per sempre; contribuire inoltre a quella lenta trasformazione che è la vita stessa delle città

    Marguerite Yourcenar, Memorie di Adriano (1951)

  • L'antica distinzione tra uomo e natura, tra abitante di città e abitante di campagna, tra greco e barbaro, tra cittadino e forestiero, non vale più: l'intero pianeta e' ormai diventato un villaggio, e di conseguenza il piu' piccolo dei rioni deve essere progettato come un modello funzionale del mondo intero

    Lewis Mumford, La citta' nella storia (1961)

  • Se fossimo soli l'immensità sarebbe davvero uno spreco

    Isaac Asimov

  • Il gentil'huomo grande utilità e consolatione caverà dalle case di villa, dove il tempo si passa in vedere e ornare le sue possessioni, e con industria e arte dell'agricoltura accrescer le facultà, dove anco per l'esercitio, che nella villa si suol fare a piedi e a cavallo, il corpo agevolmente conserverà la sua sanità e robustezza, e dove finalmente l'animo stanco delle agitazioni della città prenderà molto ristauro e consolatione, e quietamente potrà attendere a gli studj delle lettere e alla contemplatione

    Andrea Palladio, I quattro libri dell'architettura. Venezia 1581

  • L'importante è non smettere di far domande. La curiosità ha le sue ragioni di esistere

    Albert Einstein

  • Che tu possa aver sempre aria per respirare, fuoco per scaldare, acqua da bere e terra su cui vivere

    Augurio Navaho

  • L'idea coloniale di concedere per legge lo sfruttamento della terra, della nostra Pachamama (Madre terra), è un'idea datata. Nessun uomo puó sfruttare la terra, ma solo accudirla. Smettiamo di parlare solo di risorse e iniziamo a parlare di vita

    Roberto Espinosa, portavoce del Coordinamento Andino delle Organizzazioni Indigene

  • Gli alberi sono liriche che la terra scrive sul cielo. Noi li abbattiamo e li trasformiamo in carta per potervi registrare, invece, la nostra vuotaggine

    Kahlil Gibran (1883-1931)

La certificazione energetica degli edifici esistenti

inserito Mercoledì 15, Febbraio 2012 da Gabriele CIGOLOTTI

()

Periodicamente occorre intervenire su tutti gli edifici ad es. cambiare la caldaia o altre componenti tecnologiche, rifare impianti, coperture e facciate, ecc..


Spesso si interviene in situazioni di emergenza (perdite e infiltrazioni in primo luogo) senza il tempo per progettare con cura e con il solo scopo di rimuovere la situazione di disagio specifica (stare al freddo, piove in casa, ...), perdendo di vista il traguardo generale di garantire la durata temporale dell'edificio.


I danni in questi casi sono di lungo periodo e di grande peso.


Se la riqualificazione energetica non viene pianificata contestualmente alle principali attività di manutenzione i suoi costi diventano proibitivi.


Se, ad esempio, ripristino una facciata, sostengo almeno metà dei costi necessari per la sua riqualificazione con un cappotto termico (impalcature, eliminazione del vecchio rivestimento, posa del nuovo rivestimento).


Se il cappotto non viene posto in quell'occasione è assai difficile che lo sia in futuro.


Esiste lo strumento della certificazione energetica che prevede un'analisi delle qualità energetiche dell'edificio e la formulazione delle principali ipotesi di intervento con una quantificazione dei possibili ritorni economici.


E' necessario peró che la certificazione energetica tenga conto anche della qualità generale dell'edificio e degli interventi che presumibilmente sono da prevedere nel prossimi decenni (gli interventi sull'involucro, sui pavimenti, sugli impianti hanno tutti tempi ultradecennali).


E' quindi consigliabile promuovere una certificazione energetica che non sia solo il pezzo di carta che serve per vendere o affittare, ma costituisca la prima vera e propria analisi e pianificazione della vita del nostro edificio.


Come iperPIANO stiamo coinvolgendo alcuni comuni nell'ipotesi di partecipare a un progetto europeo per definire le modalità di certificazione energetica per una strategia di manutenzione e riqualificazione dell'edificio (specie per quelli costruiti nel secolo scorso, al momento oltre il 95% degli edifici esistenti) al fine di conservarne il valore nel tempo e ritardarne il più possibile la 'rottamazione'.

Lascia un commento

Nome
E-mail
Il tuo commento
Digita il Codice di sicurezza :    Codice di sicurezza
   

  
 
Ray Anderson: la Logica di Business della Sosteniblità
Ray Anderson: la Logica di Business della Sosteniblità
Nella sua azienda di moquette industriali, Ray Anderson ha sviluppato le vendite e raddoppiato i profitti attraverso il ribaltamento completo del sistema industriale tradizionale, fondato sul 'prendere-produrre-buttare via'. Con calma ed umiltà, ci presenta una visione rivoluzionaria per un'economia sostenibile.
CONOSCI I MEMBRI DELL'ASSOCIAZIONE
Carlo CIGOLOTTI
Laurea in Architettura conseguita nel 1971 presso il Politecnico di Milano.
Iscritto all'Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori Province di Novara e Verbano-Cusio-Ossola.
Svolge la professione presso il Servizio Tecnico della Cariplo  ...   
 

Giulia SOLDATI
Nata a Borgomanero nel 1990, si laurea nel 2013 presso la Facoltà di Architettura e Società del Politecnico di Milano nel Corso di Laurea triennale in Urbanistica, con una tesi dal titolo: 'Milano, è crisi. Puó il PGT costituire un valido strumento per la  ...   
 

Ivano NERI
architetto con studio a Salerno dal 1993. Esperto nei settori del recupero e nella riqualificazione architettonica, edilizia ed urbanistica con particolare interesse verso l'elaborazione di forme d'ibridazione tra innovazione e tradizione. Sperimentatore di  ...   
 

Federico MORCHIO
nasce a Ovada (AL).
Si laurea, con lode, in architettura nel 1988.
Dal 1986 al 1991 collabora, presso l'Università degli studi di Genova, ai corsi di progettazione architettonica dei proff. Paolo Maretto e Maria Giovanna Figoli, con cui svolge anche attività  ...   
 

Lucia CASTIGLIONI
nata a Novara (1984), è architetto e attualmente è dottoranda, con borsa di studio, in Progetto e Tecnologie per la Valorizzazione dei Beni Culturali del Dipartimento Building Environment & Science Technology (BEST) del Politecnico di Milano, con una ricerca sulle  ...   
 

iperPIANO - Ecosistema di soluzioni e innovazioni per il governo del territorio e della città
© iperPIANO - Tutti i diritti riservati - Vietata la copia parziale o totale dei contenuti (testi,immagini,video) - credits