Torna alla Home Page
  • Gli specialisti sono persone che ripetono sempre gli stessi errori

    Walter Gropius

  • Scopo della scienza non è tanto quello di aprire le porte all'infinito sapere, quanto quello di porre una barriera all'infinita ignoranza

    Bertolt Brecht

  • Il mondo non puó guardare il mondo senza passare per l'io [...] facendo a meno di quella macchia di inquietudine che è la presenza dell'individuo

    Citazione tratta da M. Belpoliti, L'occhio di Calvino, 1996

  • Rammentate che il nostro compito rimane quello di preparare idee per chi governa

    Gaetano Filangieri a Eleonora Fonseca nel libro di Enzo Striano 'Il resto di niente'

  • Come i germogli crescendo dànno origine a nuovi germogli, e questi, se vigorosi, si ramificano e superano da ogni parte un ramo più debole, così per generazione io credo sia avvenuto per il grande albero della vita, che riempie la crosta terrestre con i suoi rami morti e rotti e ne copre la superficie con le sue sempre rinnovantisi, meravigliose, ramificazioni

    Charles Darwin, L'origine delle specie [titolo originale: On the Origin of Species by Means of Natural Selection, or the Preservation of Favoured Races in the Struggle for Life, 1859]

  • Quando un popolo non ha piu' senso vitale del suo passato si spegne. La vitalita' creatrice e' fatta di una riserva di passato. Si diventa creatori anche noi, quando si ha un passato. La giovinezza dei popoli e' una ricca vecchiaia

    Cesare Pavese

  • Ho chiuso gli occhi per vedere

    Paul Gauguin

  • Il gentil'huomo grande utilità e consolatione caverà dalle case di villa, dove il tempo si passa in vedere e ornare le sue possessioni, e con industria e arte dell'agricoltura accrescer le facultà, dove anco per l'esercitio, che nella villa si suol fare a piedi e a cavallo, il corpo agevolmente conserverà la sua sanità e robustezza, e dove finalmente l'animo stanco delle agitazioni della città prenderà molto ristauro e consolatione, e quietamente potrà attendere a gli studj delle lettere e alla contemplatione

    Andrea Palladio, I quattro libri dell'architettura. Venezia 1581

  • Ai nostri giorni quasi ogni cosiddetto miglioramento a cui l'uomo possa por mano, come la costruzione di case e l'abbattimento di foreste e alberi secolari, perverte in modo irrimediabile il paesaggio e lo rende sempre piu' addomesticato e banale

    Henry David Thoreau, Walking - Camminare (1851)

  • Obbedire a natura in tutto è il meglio

    Francesco Petrarca

iperPIANO a Paesaggio Dolce

inserito Mercoledì 9, Dicembre 2015 da Roberto TOGNETTI

()

In questa esperienza i risultati riassumibili negli schemi progettuali elaborati dai corsisti con il concorso dei vari docenti e tutor sono sorprendenti per qualità, livello di innovazione responsabile, contenuti di sostenibilità, freschezza di tono e modernità di linguaggio adottato. Pur rimanendo di fatto dei puri layout meta-progettuali rivelano capacità di visione e di indirizzamento delle politiche attive verso cui orientare effettivamente nuove pratiche di comunità per le scale dell'abitare.

Tali risultati sono stati ottenuti d'altra parte con una tempistica e una dotazione finanziaria minima rispetto a quella che sarebbe stata necessaria attraverso la normale filiera amministrativa della programmazione delle opere pubbliche e delle politiche territoriali previste dalla strumentazione urbanistica. Certo i percorsi sono solo parzialmente confrontabili: troppo libero il contesto progettuale adottato in ambito formativo, rispetto ai vincoli e alla complessità di un iter di ordinaria legittimazione giuridica. Tuttavia la divaricazione quali-quantitativa rimane straordinariamente aperta, proprio per l'efficacia-efficienza della prima sulla seconda. La questione infatti non è solo dei tempi e dei costi, ma riguarda anche la condizione di pervasività, visibilità, apertura dei processi innescati, del livello dei soggetti coinvolti e di tanti altri fattori per così dire socio-ambientali che pongono nettamente in primo piano questo nuovo modo di progettare attraverso intelligenze e conoscenze collettive piuttosto che competenze ordinarie convenzionalmente delegate secondo gli schemi normativi correnti.

Imparagonabili gli impatti tra i due approcci in termini di condivisione e partecipazione nel primo caso rispetto alla ristretta ordinarietà della normale procedura dove pochi decisori si rapportano con un centro di competenza incaricato, magari a volte di altissima levatura professionale (anche se in molti casi si rileva purtroppo anche l'esatto contrario), ma ció nonostante 'chiuso' dentro uno schema operativo che non si nutre di sufficienti scambi con il mondo esterno. Il tema è stato naturalmente proposto alla discussione sia alla scala micro dell'amministrazione locale nei confronti del Sindaco di Lizzanello, Costantino Giovannico  e sia alla scala macro con  l'Assessore regionale alla Formazione e al Lavoro Sebastiano Leo.

L'impressione ricevuta è che serva proseguire e rendere più frequenti queste esperienze e soprattutto serve garantire seguito e continuità a quelle che hanno già generato dei risultati progettuali tangibili come in questo caso.

Le mie conclusioni sono riassumibile nell'espressione riportata anche sui social web come narrazione pubblica «Abbiamo creato una infrastruttura cognitiva che dovrebbe essere offerta anche ad uno scenario economico più complesso».

Sono certamente convinto quindi in conclusione che:

1- lo sviluppo sostenibile deve essere perseguito da nuove forme di dialogo tra economia e ambiente;

2- le normali procedure previste da leggi e regolamenti siano sempre di più percorsi ad alto tasso di 'aridità' rispetto al altri itinerari più aperti e partecipati che si qualificano in modo trasparente come contesti alto tasso di 'fertilità'.

---

Avete letto la relazione relativa agli interventi svolti domenica 29 novembre 2015 e che hanno riguardato i temi seguenti:
 
• 'Connessioni tra vivibilità del territorio e sviluppo' con l'obiettivo: indagare il concetto di paesaggio attraverso le connessioni Ce interferenze) tra l'opportunità della tutela e la necessità di promuovere lo sviluppo dei territori. E ció con la partecipazione di: Antonio Angelillo (progettazione del paesaggio); Roberto Tognetti (rigenerazione creativa della città); Carmelo Maria Torre (estimo e pianificazione territoriale).

• 'Rivivere gli spazi urbani' con l'obiettivo: introdurre una riflessione su come i cambiamenti sociali, culturali ed economici impongono un ripensamento del concetto di città a tutti i livelli della pianificazione. E ció con la partecipazione di: Roberto Tognetti (rigenerazione creativa della città); Carlo Infante (changemaker); Ivano Neri (progettazione ecosostenibile); Francesco Piero Paolicelli (digital champion).

Sono altresì intervenuti: Ettore Bambi come moderatore e come referenti politico-amministrativi: il Sindaco di Lizzanello, Costantino Giovannico  e l Assessore regionale alla Formazione e al Lavoro Sebastiano Leo.

---

Il Paesaggio Dolce (Pratiche di comunità per le scale dell'abitare)',
progetto cofinanziato da Unione Europea, Ministero del Lavoro e Regione Puglia con Avviso 7/2015 Asse VII- Capacità Istituzionale- 'Percorsi di formazione Assetto del Territorio' approvato con Determinazione Dirigenziale n. 220 del 26/06/2015 sul BURP n. 95 del 02/07/2015 e approvato con Determinazione dell'Autorità di Gestione P.O. F.S.E. Puglia 2007/2013 n. 376 del 28/09/2015 pubblicata sul BURP n. 128 del 01/10/2015

.



Lascia un commento

Nome
E-mail
Il tuo commento
Digita il Codice di sicurezza :    Codice di sicurezza
   

  
 
Harlad Haas: Segnale wireless da ogni lampadina
Harlad Haas: Segnale wireless da ogni lampadina
Cosa accadrebbe se ogni lampadina nel mondo trasmettesse dati, oltre ad emettere luce? A TEDGlobal, Harald Haas mostra per la prima volta uno strumento capace di fare proprio questo. Modulando (a velocità impercettibili dall'occhio umano) l'intensità di un singolo LED, la sua tecnologia riesce a trasmettere molti più dati di un ripetitore cellulare -- e in modo più efficiente, sicuro e diffuso.
CONOSCI I MEMBRI DELL'ASSOCIAZIONE
Gabriele CIGOLOTTI
nato a Novara, nel 2008 consegue la Laurea Specialistica in Architettura presso il Politecnico di Milano.
L'anno successivo la sua tesi di laurea viene scelta tra quelle meritorie di comparire all'interno dell'Annuario delle Tesi di Laurea del Politecnico di  ...   
 

Luca VALERIN
Nato a Piove di Sacco nel 1990, nel 2012 consegue, con il massimo dei voti, la laurea triennale in scienze dell'architettura presso l'università IUAV di Venezia dove prosegue gli studi nel corso di laurea magistrali. Attualmente, dopo un'esperienza di un anno  ...   
 

Aldo ARBORE
nato a Novara il 14 maggio 1964. Laurea in Economia e Commercio con specializzazione in Gestione e Amministrazione conseguita presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano nel marzo 1989. Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili  ...   
 

Maria Consuelo VIGNARELLI
nata a Novara, ha frequentato il Liceo Classico, Scienze Politiche con indirizzo Internazionale, l'Istituto per la Formazione al Giornalismo di Milano, i corsi di cooperazione e sviluppo dell'Ispi. Ha vissuto a Torino e a Milano, cercando una conciliazione tra gli  ...   
 

Stefano GIULIANI
nato a Brindisi nel 1963, si laurea nel 1988 in Scienze Geologiche presso l'Università degli Studi di Parma.
Lavora, dopo aver sostenuto l'esame di stato nel 1989 da geologo, per qualche anno come libero professionista. Nel 1991 viene assunto da una società del  ...   
 

iperPIANO - Ecosistema di soluzioni e innovazioni per il governo del territorio e della città
© iperPIANO - Tutti i diritti riservati - Vietata la copia parziale o totale dei contenuti (testi,immagini,video) - credits