Torna alla Home Page
  • La città è quel luogo dove un bambino, percorrendola, puó vedere qualcosa che gli suggerisce quello che vorrà fare da grande

    Louis Kahn

  • Le cose peggiorano lentamente, le persone si adattano. Il problema sta nel determinare il corretto livello di allarme nei confronti della carica di una branco di elefanti ancora molto lontano

    David D. Clark - (Massacchussett Institute of Technology)

  • Un uomo fa quello che e' suo dovere fare, quali che siano le conseguenze personali, quali che siano gli ostacoli, i pericoli o le pressioni. Questa e' la base di tutta la moralita' umana

    J.F.Kennedy

  • non si vede bene che con il cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi

    Antoine de Saint-Exupéry 'Il piccolo principe'

  • Gli alberi sono liriche che la terra scrive sul cielo. Noi li abbattiamo e li trasformiamo in carta per potervi registrare, invece, la nostra vuotaggine

    Kahlil Gibran (1883-1931)

  • ...dobbiamo essere riconoscenti a quelle citta' per la lodevole discrezione che dimostrano, lasciando le rive del fiume ai boschi, ai prati e ai giardini

    Jerome Klapka Jerome, Tre uomini in barca (per tacer del cane) [1889]

  • Io sono uno che non nasconde le sue idee questo e' vero perche' non mi piacciono quelli che vogliono andare d'accordo con tutti e cambiano ogni volta bandiera per tirare a campare

    Luigi Tenco, Io sono uno

  • Il nostro è un Paese senza memoria e verità, e io per questo cerco di non dimenticare

    Leonardo Sciascia

  • Nessuno effetto è in natura sanza ragione; intendi la ragione e non ti bisogna sperienzia

    Leonardi da Vinci, Codice Atlantico 147 v.a.

  • Costruire, significa collaborare con la terra, imprimere il segno dell'uomo su un paesaggio che ne resterà modificato per sempre; contribuire inoltre a quella lenta trasformazione che è la vita stessa delle città

    Marguerite Yourcenar, Memorie di Adriano (1951)

HorrorVACUI
HorrorVACUI E’ un centro studi 2.0 - sviluppato con una piattaforma Bewe Social Intelligence che supporta la ricerca sulle tematiche oggetto del libro “Riusiamo l’Italia”.

Le attività di horrorVACUI consistono nella pubblicazione di articoli, raccogliere e condividere documentazione in materia e svolgere attività di ricerca e formazione.

Il Centro Studi horrorVACUI è nato in seno al network iperPIANO per analizzare ed implementare modelli urbanistici di rigenerazione creativa delle città e dei territori. Il Centro Studi horrorVACUI elabora strumenti e tecniche per la misurazione del valore e dei valori collegati alle dinamiche di riuso e rigenerazione urbana, mette e punto modelli basati sul riuso creativo di patrimoni vuoti o abbandonati di città e territorio valorizzando il talento individuale e collettivo. Supporta l’applicazione di politiche attive a livello urbano e territoriale all'insegna del principio del "più usi meno paghi" come criterio base per il riutilizzo degli spazi con particolare riferimento alle implicazioni fiscali, normative e urbanistiche.


Non ci sono elementi da visualizzare




iperPIANO - Ecosistema di soluzioni e innovazioni per il governo del territorio e della città
© iperPIANO - Tutti i diritti riservati - Vietata la copia parziale o totale dei contenuti (testi,immagini,video) - credits