Torna alla Home Page
  • L'idea coloniale di concedere per legge lo sfruttamento della terra, della nostra Pachamama (Madre terra), è un'idea datata. Nessun uomo puó sfruttare la terra, ma solo accudirla. Smettiamo di parlare solo di risorse e iniziamo a parlare di vita

    Roberto Espinosa, portavoce del Coordinamento Andino delle Organizzazioni Indigene

  • La città è quel luogo dove un bambino, percorrendola, puó vedere qualcosa che gli suggerisce quello che vorrà fare da grande

    Louis Kahn

  • Dovete lasciare che chi guarda se ne vada con le sue proprie conclusioni. Se dettate loro cosa devono pensare, avete perso

    Maya Lin

  • Io sono uno che non nasconde le sue idee questo e' vero perche' non mi piacciono quelli che vogliono andare d'accordo con tutti e cambiano ogni volta bandiera per tirare a campare

    Luigi Tenco, Io sono uno

  • Se io fossi il vento, non soffierei più su un mondo tanto malvagio e miserabile. ............. Eppure, lo ripeto e lo giuro, c'è qualcosa di glorioso e di benigno nel vento

    Herman Melville, Moby Dick o la balena (1851)

  • La conquista dell'energia atomica ha cambiato tutto tranne il nostro modo di pensare... La soluzione dei nostri problemi si trova nel cuore dell'uomo. Se solo lo avessi saputo, avrei fatto l'orologiaio

    Albert Einstein (1879- 1955)

  • Le cose peggiorano lentamente, le persone si adattano. Il problema sta nel determinare il corretto livello di allarme nei confronti della carica di una branco di elefanti ancora molto lontano

    David D. Clark - (Massacchussett Institute of Technology)

  • L'importante è non smettere di far domande. La curiosità ha le sue ragioni di esistere

    Albert Einstein

  • Meravigliosa è la forza dei deserti d'Oriente fatti di pietre, di sabbia e di sole, dove anche l'uomo più gretto capisce la propria pochezza di fronte alla vastità del creato e agli abissi dell'eternità, ma ancora più potente è il deserto delle città fatto di moltitudini, di strepiti, di ruote d'asfalto, di luci elettriche, e di orologi che vanno tutti insieme e pronunciano tutti nello stesso istante la medesima condanna

    Dino Buzzati, L'umiltà

  • E segavano i rami sui quali stavano seduti, gridandosi l'un l'altro le loro esperienze per segare con più vigore. E crollarono nell'abisso. E quelli che li guardavano scossero la testa e continuarono a segare con forza

    Bertold Brecht (Esilio)

HorrorVACUI
HorrorVACUI E’ un centro studi 2.0 - sviluppato con una piattaforma Bewe Social Intelligence che supporta la ricerca sulle tematiche oggetto del libro “Riusiamo l’Italia”.

Le attività di horrorVACUI consistono nella pubblicazione di articoli, raccogliere e condividere documentazione in materia e svolgere attività di ricerca e formazione.

Il Centro Studi horrorVACUI è nato in seno al network iperPIANO per analizzare ed implementare modelli urbanistici di rigenerazione creativa delle città e dei territori. Il Centro Studi horrorVACUI elabora strumenti e tecniche per la misurazione del valore e dei valori collegati alle dinamiche di riuso e rigenerazione urbana, mette e punto modelli basati sul riuso creativo di patrimoni vuoti o abbandonati di città e territorio valorizzando il talento individuale e collettivo. Supporta l’applicazione di politiche attive a livello urbano e territoriale all'insegna del principio del "più usi meno paghi" come criterio base per il riutilizzo degli spazi con particolare riferimento alle implicazioni fiscali, normative e urbanistiche.


Non ci sono elementi da visualizzare




iperPIANO - Ecosistema di soluzioni e innovazioni per il governo del territorio e della città
© iperPIANO - Tutti i diritti riservati - Vietata la copia parziale o totale dei contenuti (testi,immagini,video) - credits