Torna alla Home Page
  • Io sono molto amico delle acque: esse fanno bene al mio spirito

    Gian Lorenzo Bernini (Napoli, 1598 - Roma, 1680)

  • Il mondo non puó guardare il mondo senza passare per l'io [...] facendo a meno di quella macchia di inquietudine che è la presenza dell'individuo

    Citazione tratta da M. Belpoliti, L'occhio di Calvino, 1996

  • Il mezzo puó essere paragonato a un seme, il fine a un albero; e tra mezzo e fine vi è esattamente lo stesso inviolabile nesso che c'è tra seme e albero

    Gandhi

  • Il territorio è un'opera d'arte, forse la più alta, la più corale che l'umanità abbia espresso; un'opera che prende forma attraverso il dialogo di entità viventi - l'uomo, la natura- nel tempo lungo della storia

    Alberto Magnaghi

  • Rammentate che il nostro compito rimane quello di preparare idee per chi governa

    Gaetano Filangieri a Eleonora Fonseca nel libro di Enzo Striano 'Il resto di niente'

  • La città è quel luogo dove un bambino, percorrendola, puó vedere qualcosa che gli suggerisce quello che vorrà fare da grande

    Louis Kahn

  • «Il Pil mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa, e le prigioni per coloro che cercano di forzarle (...). Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari, comprende anche la ricerca per migliorare la disseminazione della peste bubbonica, si accresce con gli equipaggiamenti che la polizia usa per sedare le rivolte, e non fa che aumentare quando sulle loro ceneri si ricostruiscono i bassifondi popolari.»

    Bob Kennedy

  • Dovete lasciare che chi guarda se ne vada con le sue proprie conclusioni. Se dettate loro cosa devono pensare, avete perso

    Maya Lin

  • Non siamo forse veri e propri analfabeti nella lingua e nell'arte necessarie per creare, tessere e conservare liberamente connessioni e legami?

    Ulrich Beck

  • è bello girare la collina insieme al cane: mentre si cammina, lui fiuta e riconosce per noi le radici, le tane, le forre, le vite nascoste, e moltiplica in noi il piacere delle scoperte

    Cesare Pavese, La casa in collina (Einaudi 1948)

La certificazione energetica degli edifici esistenti

inserito Mercoledì 15, Febbraio 2012 da Gabriele CIGOLOTTI

()

Periodicamente occorre intervenire su tutti gli edifici ad es. cambiare la caldaia o altre componenti tecnologiche, rifare impianti, coperture e facciate, ecc..


Spesso si interviene in situazioni di emergenza (perdite e infiltrazioni in primo luogo) senza il tempo per progettare con cura e con il solo scopo di rimuovere la situazione di disagio specifica (stare al freddo, piove in casa, …), perdendo di vista il traguardo generale di garantire la durata temporale dell’edificio.


I danni in questi casi sono di lungo periodo e di grande peso.


Se la riqualificazione energetica non viene pianificata contestualmente alle principali attività di manutenzione i suoi costi diventano proibitivi.


Se, ad esempio, ripristino una facciata, sostengo almeno metà dei costi necessari per la sua riqualificazione con un cappotto termico (impalcature, eliminazione del vecchio rivestimento, posa del nuovo rivestimento).


Se il cappotto non viene posto in quell’occasione è assai difficile che lo sia in futuro.


Esiste lo strumento della certificazione energetica che prevede un’analisi delle qualità energetiche dell’edificio e la formulazione delle principali ipotesi di intervento con una quantificazione dei possibili ritorni economici.


E' necessario però che la certificazione energetica tenga conto anche della qualità generale dell’edificio e degli interventi che presumibilmente sono da prevedere nel prossimi decenni (gli interventi sull’involucro, sui pavimenti, sugli impianti hanno tutti tempi ultradecennali).


E' quindi consigliabile promuovere una certificazione energetica che non sia solo il pezzo di carta che serve per vendere o affittare, ma costituisca la prima vera e propria analisi e pianificazione della vita del nostro edificio.


Come iperPIANO stiamo coinvolgendo alcuni comuni nell'ipotesi di partecipare a un progetto europeo per definire le modalità di certificazione energetica per una strategia di manutenzione e riqualificazione dell'edificio (specie per quelli costruiti nel secolo scorso, al momento oltre il 95% degli edifici esistenti) al fine di conservarne il valore nel tempo e ritardarne il più possibile la 'rottamazione'.

Lascia un commento

Nome
E-mail
Il tuo commento
Digita il Codice di sicurezza :    Codice di sicurezza
   

  
 
Alex Steffen: Il futuro condivisibile delle città
Alex Steffen: Il futuro condivisibile delle città
Come possono le città aiutare a salvare il futuro? Alex Steffen mostra alcuni progetti verdi basati sul vicinato che ampliano il nostro accesso a cose che vogliamo e di cui abbiamo bisogno, riducendo il tempo che trascorriamo in auto.
CONOSCI I MEMBRI DELL'ASSOCIAZIONE
Roberto TOGNETTI
nato a Casaleggio Novara, si laurea con lode presso la Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano nel 1986 con Franca Helg. Nel 1987 segue il corso di specializzazione in 'Museografia e Museologia'. Nel periodo 1987-1988 ha insegnato presso il Dipartimento  ...   
 

Ivano NERI
architetto con studio a Salerno dal 1993. Esperto nei settori del recupero e nella riqualificazione architettonica, edilizia ed urbanistica con particolare interesse verso l'elaborazione di forme d'ibridazione tra innovazione e tradizione. Sperimentatore di  ...   
 

Stefano GIULIANI
nato a Brindisi nel 1963, si laurea nel 1988 in Scienze Geologiche presso l'Università degli Studi di Parma.
Lavora, dopo aver sostenuto l'esame di stato nel 1989 da geologo, per qualche anno come libero professionista. Nel 1991 viene assunto da una società del  ...   
 

Alessandro FUBINI
nato e residente a Torino. Laureato in architettura presso la Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino; socio dello studio professionale associato StudioAF di Alifredi e Fubini Pinerolo (TO). Co-fondatore e membro del Comitato Direttivo, del Comitato  ...   
 

Gabriele CIGOLOTTI
nato a Novara, nel 2008 consegue la Laurea Specialistica in Architettura presso il Politecnico di Milano.
L'anno successivo la sua tesi di laurea viene scelta tra quelle meritorie di comparire all'interno dell'Annuario delle Tesi di Laurea del Politecnico di  ...   
 

iperPIANO - Ecosistema di soluzioni e innovazioni per il governo del territorio e della città
© iperPIANO - Tutti i diritti riservati - Vietata la copia parziale o totale dei contenuti (testi,immagini,video) - credits